Nona edizione delle pagelle di Gil e Frankie. Cosa è successo questa settimana?

MEGLIO TARDI CHE MAI – VOTO 5

Il centrodestra trionfa in Calabria. Fondamentale per la vittoria l’endorsement di Berlusconi alla sua candidata: “una delle poche a non avermela mai data”. Avrebbe potuto lodarla in qualsiasi modo, ma ragazzi, è Berlusconi e quindi la gnocca deve essere al centro di qualsiasi programma elettorale. Per chi come me vedesse analogie con Cetto la Qualunque state sbagliando. Berlusconi è più vecchio. “Più pilu inedito per tutti”

 

MEGLIO TARDI CHE MAI (Pt.2) – VOTO 6

Politica italiana. Centrale la sconfitta del centrodestra, ergo Salvini il citofonista ammaestrato, in Emilia Romagna. Il risultato ha sorpreso soltanto gli alieni. Le sardine esultano, fondamentale il loro apporto. Ha vinto Bonaccini (PD) in una Regione che che la sinistra governa da prima che Santori nascesse. Insomma sono state meno utili di un pannolone su un vecchio col catetere.

 

LA FATA – VOTO 100

L’altra sera, ho preso il mio telefonino a conchiglia rosa della Lelli Kelly, ho composto il numero 1,2,3 ⭐️ ed ha risposto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, per gli amici Dj Fofó.

Allora ho chiesto all’ex dj, attualmente ministro, in vena di riforme :”Fofó, come mai vuoi abolire la prescrizione?”

-:“Perché Berlusconi l’ha scampata troppe volte 😔”

-:“Fofó ne avevamo già parlato, non c’entra nulla con la prescrizione in sé, ti ricordi?”

-:“Ehmm, si…”

-:“Fofó dimmi cos’è la prescrizione?”

-:“Io lo so cos’è”

-:“Dimmelo allora”

-:“È quando tu non vai in galera perché è passato del tempo e secondo me è sbagliato, ecco”

-:“No, non è così Fofó”

-:“Tanto il capo sono io, tiè”

 

A questo punto mi sono svegliato. Era tutto solo un sogno. In prima pagina su Repubblica, una dichiarazione di Bonafede recita:” Il capo sono io e la prescrizione non c’è più perché non mi piace, tiè!”

 

Studiate le leggi, prima che il cuginetto brutto e rincoglionito di Gabry Ponte, vestito da fata, le cancelli tutte. Ne vale la pena.

 

SECESSIONE – VOTO 4

In delegazione dal ministro Giuseppe Provenzano, le sardine capitanate da Mattia Santori hanno proposto “l’Erasmus tra Nord e Sud Italia”. Calma. Un bel respiro. Analizziamo per punti.

 

  • Erasmus : EuRopean Community Action Scheme for the Mobility of University Students = uno studente universitario europeo effettua in una università straniera un periodo di studio riconosciuto dalla propria università.
  • Nord e sud italia sono ancora lo stesso paese.

 

Non riusciamo a comprendere cosa passi per la testa delle sardine, inebriate di popolarità, sparano cazzate una dietro l’altra. Ma le cose da notare sono due: in primis, il ministero la trova una bella idea (seriamente?); in secundis, ma chi abita a Roma si gratta la pera e sta a casa?

 

IPOCRISIA PORTAMI VIA – VOTO 7

Natalie Portman alla cerimonia degli Oscar ci ha ammaliati tutti. Unica pecca l’aver scritto il nome di tutte le donne registe che, secondo lei, sono state deliberatamente non nominate dall’Academy all’Oscar. Partendo dal presupposto che è opinabile il fatto che una donna debba essere candidata solo in quanto tale e non valutando l’effettiva qualità del suo lavoro come regista, troviamo quello detto dalla Portman molto ipocrita in quanto l’attrice ha lavorato solo con due registe donne durante la sua lunga carriera, una delle quali era proprio lei. Inoltre fa sorridere il fatto che Natalie possegga una grande casa di produzione la quale ha ingaggiato un gran numero di registi… Uomini e solo una donna, indovinate chi è? Esatto! Natalie Portman!

Il “femminismo” (se così si può definire) è veramente in grado di sfociare nel banale e nello stupido e questo è davvero estremamente noioso.